lang="it-IT" prefix="og: http://ogp.me/ns# fb: http://ogp.me/ns/fb#"text/html; charset=UTF-8" /> Come si riconoscono i funghi Come si riconoscono i funghi 5.5 __gaTracker('create', 'UA-4647580-1', 'auto'); __gaTracker('set', 'forceSSL', true); __gaTracker('require', 'displayfeatures'); __gaTracker('send','pageview');

Come si riconoscono i funghi

Non è certamente facile dare un nome a tutte le specie fungine che si incontrano e il loro riconoscimento è un’arte che si impara con studio e con molta esperienza! Senza dubbio una preparazione di base è data dalla conoscenza dei caratteri cosiddetti morfologici o di forma o macroscopici, in generale costituiti da quanto si rileva con la osservazione diretta, visiva, dell’esemplare raccolto. Ma esistono anche altri tipi di osservazione. Fra questi come primi il rilievo dei caratteri organolettici di odore e sapore e lo studio dei cosiddetti caratteri ecologici (di habitat, terreno, etc.), poi la osservazione della reattività ad azioni con reagenti chimici, come anche la osservazione dei cosiddetti caratteri microscopici, molto più intimi e il cui rilievo è possibile solo attraverso l’uso di strumenti ottici adatti, non sempre disponibili.

Volendo tuttavia restare nei limiti dei caratteri morfologici ed esemplificare nel modo più sintetico possibile tale osservazione, possiamo raggruppare la grande parte delle specie che si incontrano in tre grandi famiglie la identificazione delle quali è abbastanza facile:

Agaricacee

Agaricacee

Con i carpofori portanti sotto il cappello delle lamine radiali dette lamelle.

Poliporacee

Poliporacee

Portanti sotto il cappello tanti tubicini appressati terminanti in piccoli fori detti pori, che nel complesso costituiscono uno strato staccabile dal cappello e no.

Idnacee

Idnacee

Sotto il cappello si nota la presenza di numerosissimi aghi detti aculei.

E’ chiaro che in questa esemplificazione ci siamo riferiti a funghi di forma classica, forniti almeno di gambo e di cappello, mentre la forma dei funghi è variabilissima e uno studio più impegnativo avrebbe ben altra impostazione ed estensione. Ti consigliamo comunque di acquistare una buona guida da tenere sempre “sotto braccio” che ti aiuterà a riconoscere le specie fungine. A tal proposito ti invitiamo a visitare la nostra sezione dedicata ai libri ed alle guide sui funghi per avere una panoramica completa dei libri in commercio.

0 Commenti

Lascia un commento